ONDE DI NOTE

Nel raggio della musica

Giovedì 30 Agosto ore 18.30

ingresso libero

 

 

Prosegue la rassegna Onde di Note che accompagna il pubblico anconetano con appuntamenti musicali nella splendida Chiesa di Santa Maria di Portonovo. Giovedì 30 Agosto alle ore 18.30 si conclude l’itinerario Nel raggio della musica, un cammino dedicato alla suggestione della luce solare in un contesto particolarmente evocativo. A sancire la fine di questo percorso sarà il duo Ensemble Ducale, formato da Lorenzo Antinori, organo a baule, e Luca Favoni, viola da gamba, che accompagnerà il pubblico durante il tramonto del Sole con un programma dedicato in maniera particolare al celebre compositore tedesco Johann Sebastian Bach. Il concerto varrà della guida all’ascolto di Caterina Veddovi, che guiderà gli spettatori attraverso repertori e prassi antiche, con attenzione musicologica. I tre musicisti sono soci fondatori dell’associazione culturale no profit De Antiquo Ordine, volta a divulgare il repertorio musicale antico, dal gregoriano fino a Bach, nella maniera più fedele possibile all’originale. Il concerto è gentilmente offerto dalla Libreria del Benessere di Ancona, specializzata da anni nel benessere del corpo e dello spirito. Dal 2013 la libreria ospita lo studio della nutrizionista Rosella Sbarbati che contribuisce alla qualificazione del centro offrendo consulenze nutrizionali, corsi e incontri per la crescita culturale, spirituale e personale.

 

 

Lorenzo Antinori

Diplomato e laureato cum laude in Organo, Composizione organistica e Clavicembalo (rispettivamente con i Mi Marco Arlotti e Maria Luisa Baldassari), è attualmente laureando del corso di Composizione ad indirizzo musicologico, il tutto presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. Si è perfezionato per entrambi gli strumenti con numerosi docenti di fama internazionale, estendendo la sua attività anche alla direzione corale.

Vincitore di numerosi concorsi organistici nazionali ed internazionali, svolge un’intensa attività concertistica che lo porta ad esibirsi su tutto il territorio italiano e all’estero (Austria, Svizzera, Francia, USA), sia in veste di solista che in varie formazioni strumentali e vocali. Di particolare rilievo le collaborazioni con l’Orchestra Filarmonica “G. Rossini”, con “Camerata Vocale Bozen” e con il “Rossini Chamber Choir”. Varie le sue incisioni su CD, alcune delle quali in prima mondiale, con musiche di Louis Vierne, Luigi Ferrari Trecate, Domenico Bartolucci e Simone Baiocchi.

Degno di nota è il suo impegno nel campo della ricerca musicologica, archivistica ed organaria, specialmente per la valorizzazione dell’ingente patrimonio storico del suo territorio d’origine, nel nord delle Marche. In particolare, ha pubblicato per Zecchini editore la biografia del sacerdote, organista e compositore don Giuseppe Fini (Urbania, 1877-1944).

Ha svolto attività di accompagnatore al cembalo presso i Conservatori di Pesaro e di Vicenza ed è stato invitato ad accompagnare diverse masterclasses vocali tenute da Gemma Bertagnolli, Roberta Invernizzi, Sonia Prina e Gloria Banditelli.

Lorenzo Antinori è Maestro di Cappella ed Organista della Concattedrale di Urbania, Direttore della Schola cantorum ed Organista della Basilica Cattedrale di Urbino, docente di organo e cembalo presso l’Accademia della Cappella Musicale del SS.mo Sacramento di Urbino, docente di Musica presso l’Istituto Omnicomprensivo “Francesco Maria II Della Rovere” di Urbania (PU); è stato anche docente di organo presso il Liceo Musicale “Guglielmo Marconi” di Pesaro.

 

Luca Favoni

Nato ad Urbino nel 1986 fa il suo incontro con la viola da gamba nel 2010 iniziando gli studi presso il conservatorio “Gioachino Rossini” di Pesaro sotto la guida del Maestro Carlo Denti, proseguendo poi gli studi con il M. Paolo Zuccheri e privatamente con il M. Fabrizio Lepri; dal 2015 passa sotto la guida del M. Patxi Montero.

Dal 2012 ad oggi ha frequentato prestigiosi corsi Internazionali di perfezionamento musicale sotto la guida non solo dei maestri Lepri e Montero ma anche partecipando alle Masterclass dei Maestri Juan Manuel Quintana e Philippe Pierlot.

Dal 2014 ha iniziato la sua attività concertistica con diverse formazioni quali “Consort Lesquercarde”, “Consort Barbarino” ed “Ensemble Ducale”, partecipando anche a Festival Internazionali come “Cantar Di Pietre”.
Dallo stesso anno la sua attività prevede anche la regolare partecipazione alle attività musicali organizzate dal CROMA al Conservatorio “Rossini” di Pesaro.

Nel 2017 si vede vincitore dell’ottava edizione di “Music Live i giovani per i giovani” organizzata dalla “Ismez/Onlus” partecipandovi con il “Metafisica Ensemble” tramite il quale porterà la viola da gamba in ambito jazz.

Nel 2018 si laurea con lode presso il conservatorio Rossini di Pesaro sotto la guida del M. Patxi Montero.

 

Caterina Veddovi

Classe 1994, inizia il suo percorso musicale approcciandosi all’età di quattordici anni allo studio della batteria. Questo strumento le darà modo di seguire le lezioni con vari maestri, locali e non, portandola ad approfondire diversi generi, dal metal al pop fino ad arrivare allo studio del Jazz. Tramite questo strumento avrà modo di fare già da subito le sue prime esperienze concertistiche, sia nella propria regione che fuori.

Nel 2015 avviene il suo primo contatto con il mondo della musica antica; in quell’anno infatti, segue le prime lezioni di viola da gamba con il Maestro Fabrizio Lepri e, rimanedo colpita da questo nuovo strumento, decide di iscriversi al corso propedeutico del Conservatorio Rossini di Pesaro.

Studierà inizialmente con il maestro Paolo Zuccheri e successivamente con il Maestro Patxi Montero, l’attuale insegnante.

Ha anche l’occasione di frequentare corsi internazionali di perfezionamente musicale nelle città di Anghiari e Chiusi della Verna con il Maestro Lepri e ad Urbino con il Maestro Juan Manuel Quintana.

Grazie alla viola da gamba, si appassiona alla storia della musica e nel novembre del 2015 inizia a frequentare le lezioni del corso universitario di composizione ad indirizzo musicologico sempre nel conservatorio pesarese.

Questo nuovo corso la porta a contatto con insegnanti noti nell’ambiente musicologico, che la condurranno nello studio approfondito dei periodi storici musicali, delle prassi esecutive e delle metodologie di ricerca dei vari generi di fonti musicali.